Anche a Zanzibar gli islamici perseguitano i cristiani

Quaranta chiese bruciate negli ultimi mesi: c’è il disegno di una “pulizia” etnico-religiosa contro i cristiani dell’isola.
Marco Tosatti

22 ott –  «Grave preoccupazione» per gli attacchi alla minoranza cristiana nell’isola di Zanzibar è stata espressa dal sociologo Massimo Introvigne, coordinatore dell’Osservatorio della Libertà Religiosa istituito dal Ministero degli Esteri.

«La campagna dei separatisti che chiedono di dividere Zanzibar dalla Tanzania – spiega Introvigne – è da tempo dominata da ultra-fondamentalisti islamici che cercano di espellere dall’isola la minoranza cristiana, in gran parte ostile al separatismo. Negli ultimi giorni la sparizione del leader ultra-fondamentalista islamico Farik Hadi, che la polizia afferma di non avere arrestato, e un oscuro incidente in cui un quattordicenne cristiano è accusato di avere urinato su una copia del Corano accogliendo la sfida di un coetaneo islamico, hanno portato a rinnovati attacchi alle chiese cristiane. Da maggio a oggi ne sono state bruciate oltre quaranta».

Introvigne denuncia il ruolo dell’UAMSHO, l’Associazione per la Mobilitazione e la Propaganda Islamica, nel promuovere i tumulti e afferma che «si precisa sempre di più il disegno di una pulizia etnica per far sparire i cristiani da Zanzibar».

http://www.lastampa.it/2012/10/19/blogs/san-pietro-e-dintorni/anche-a-zanzibar-islam-cristiani-eGOAsMXngR5qyxD9hJIaTI/pagina.html



Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *