Calci e pugni alla moglie per gelosia: arrestato marocchino

Temeva che le sue intenzioni di denunciarlo potessero scatenare la sua ira, ma ha trovato lo stesso il coraggio di segnalare alla Questura di Pesaro i maltrattamenti familiari, le violenze e la segregazione cui da anni era sottoposta, persino quando era incinta del figlioletto ora di 7 anni.

A seguito della denuncia è stato quindi tratto in arresto un cittadino marocchino di 40 anni, residente a Pesaro, disoccupato ma in regola con le norme sul soggiorno, che – secondo le dichiarazioni della donna, una trentenne operaia – sarebbe stato responsabile di veri e propri pestaggi, nel corso dei quali il consorte, accecato da un’esasperante gelosia, l’ha colpita con calci, pugni e con un bastone.

Da una prima misura cautelare di allontanamento del 40enne dall’abitazione familiare, finalizzato a salvaguardare la moglie ed il figlio minore dalle violenze dell’uomo, l’Autorità Giudiziaria ha poi trovato altri elementi di riscontro delle affermazioni della donna per aggravare la pena e stabilire la detenzione in carcere, a Villa Fastiggi.

http://www.pesarourbinonotizie.it/index.php?option=com_content&task=view&id=5082&Itemid=33



        

Tieniti aggiornato. Leggi imolaoggi.itImolaOggi su Facebook

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *