IRAQ: VESCOVI A ISLAM, SERVE FATWA PER PROTEGGERE CRISTIANI
Scritto il 30/11/10 alle 22:16:45 GMT pubblicato da Una_via_per_Oriana
IslamUna "fatwa" delle autorita' musulmane per proteggere i cristiani dalle attuali violenze e vessazioni che li spingono a lasciare il Paese

A chiederlo sono i vescovi caldei dell'Iraq che si sono incontrati ad Erbil, per discutere della situazione della comunita' ecclesiale. Il risultato di questa riunione, la prima di una serie a cadenza mensile, come deciso dall'episcopato iracheno dopo il Sinodo per il Medio Oriente, e' un messaggio con la richiesta alle autorita' musulmane di esprimersi pubblicamente "nel vietare lo spargimento di sangue innocente e il furto dei beni altrui". L'appello porta la firma di mons. Louis Sako, arcivescovo caldeo di Kirkuk e coordinatore dell'incontro, ed e' stato lanciato, spiega il presule, nella convinzione che possa "aiutare a chiarire che tali azioni sono illegittime e contrarie ai principi della religione islamica".

 Il testo, pubblicato dal Servizio Informazioen Religiosa, denuncia che circa 60 famiglie cristiane sarebbero fuggite dalla capitale dopo la strage del 31 ottobre nella chiesa siro cattolica di Nostra Signora della Salvezza e le uccisioni mirate compiute a Mosul la scorsa settimana, per rifugiarsi a Sulemaniya, altre 80 famiglie avrebbero trovato rifugio ad Erbil.

Ad esse si aggiungono quelle che invece hanno raggiunto i villaggi cristiani nella piana di Ninive. Oltre all'appello ai leader musulmani, il messaggio si rivolge al Governo iracheno perche' protegga tutti i suoi cittadini e dia loro assistenza e sottolinea l'importanza di preservare la presenza della comunita' cristiana irachena e quindi della tradizione di cui e' portatrice, si invitano gli iracheni cristiani in Iraq a non lasciare il paese, quelli in diaspora ad investire nella madre patria cosi' da creare opportunita' di lavoro".

agi

L'articolo e i commenti sono pubblicati sul sito: Una via per Oriana
La responsabilitÓ dei commenti Ŕ dei rispettivi autori.