Elezioni in Tunisia: 'Hanno vinto gli islamici'
Scritto il 24/10/11 alle 13:02:13 GMT pubblicato da Una_via_per_Oriana
IslamSi profila una conferma, previsioni favorevoli ai filo-islamici moderati di "Ennhdha"

In base ai primi dati ufficiosi che cominciano a circolare, tuttavia, si profila una conferma delle previsioni favorevoli ai filo-islamici moderati di "Ennhdha", che anzi avrebbero ottenuto un successo superiore alle attese.

Secondo fonti dello stesso partito, anzichè il 20 per cento delle preferenze quest’ultimo ne avrebbe conquistato oltre il 40, con punte del 50 o più in alcune circoscrizioni e tra i tunisini residenti all’estero. Se tali proiezioni appaiono in effetti di parte, va detto che le forze laiche hanno tuttavia già ammesso la vittoria degli avversari. «Ci inchiniamo alla volontà popolare», ha commentato Maya Zribi, segretaria generale del Pdp, il Partito Democratico Progressista. «Con le cifre di cui disponiamo, constatiamo una tendenza a favore delle liste islamiche, e i limitati risultati conseguiti da parte nostra».[...]

Ciò che già si conosce con certezza è l’eccezionale tasso di affluenza: oltre il 90 per cento solo per quanto riguarda i 4,1 milioni di elettori che si erano iscritti nelle apposite liste, cui andrà aggiunta una fetta sicuramente importante degli ulteriori 3,1 milioni di non iscritti ma aventi comunque diritto al voto, sui quali peraltro al momento mancano completamente informazioni. [...]

Al riguardo è stato reso noto che, davanti al suo seggio, è stato molestato e insultato da un drappello di presunti avversari politici il leader di ’Ennhadà, Rashid al-Ghannouchi, rientrato in patria il 30 gennaio scorso dopo 22 anni di esilio. Lo stesso Ghannouchi non ha voluto dare peso all’episodio, preferendo piuttosto sottolineare come «una partecipazione del genere dimostri la sete di democrazia del nostro popolo». Sulla sostanziale regolarità delle operazioni hanno concordato praticamente tutti gli osservatori, stranieri compresi. [...]

www3.lastampa.it/esteri/sezioni/articolo/lstp/426239/

L'articolo e i commenti sono pubblicati sul sito: Una via per Oriana
La responsabilità dei commenti è dei rispettivi autori.