I telepredicatori arabi sbarcano in tv su emittente bresciana RTB

Nasce a Brescia ed è ospitato dall’emittente televisiva locale «Rtb» il primo programma televisivo di telepredicatori arabi musulmani realizzato in Italia. La trasmissione si chiama infatti «Dall’interno della terra dei romani» (Min Dakhil al-Rumia) e intende raggiungere le minoranze islamiche d’Europa e Nord America.

Il programma va in onda via satellite ogni venerdì sera, e in replica la domenica, tramite la piattaforma «Hotbird» ed è visibile anche nei paesi arabi e in Nord Africa. A condurlo è l’imam Abu Ammar al-Sudani, un predicatore musulmano e attivista che da anni svolge l’attività di imam itinerante, tenendo sermoni in almeno 400 moschee italiane.

«Abbiamo iniziato da poche settimane il nostro programma – spiega Abu Ammar ad Adnkronos – per parlare del ruolo dell’Islam in occidente e in Italia dal punto di vista sociale, culturale e religioso. Il progetto prevede anche la realizzazione di reportage televisivi sulla condizione dei musulmani in Italia e la registrazione di trasmissioni in altre città, come Milano, Torino e Venezia, dove ospiteremo gli esponenti delle comunità musulmane locali. Ampio spazio sarà dato anche ai musulmani italiani».

Il progetto complessivo dell’imam sudanese è infatti più ambizioso ed è quello di «dare vita a breve ad una vera e propria televisione islamica, la prima in Italia. Abbiamo già ottenuto finanziamenti dai paesi arabi del Golfo e stiamo aspettando di riceverne altri per partire. Le prossime puntate saranno inoltre sponsorizzate da aziende italiane – afferma -. Questo perchè la comunità islamica in Italia rappresenta un mercato importante a cui molte compagnie, come quelle telefoniche o aeree, intendono rivolgersi». Ospite fisso sarà l’imam marocchino Abdel Bari al-Zamzami, amico dello sceicco Yusuf Qaradawi, noto telepredicatore di ‘al-Jazeera.

http://brescia.corriere.it/brescia/notizie/cronaca/12_maggio_14/predicatori-201176339298.shtml



        

Tieniti aggiornato. Leggi imolaoggi.itImolaOggi su Facebook

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *