India: donna uccisa perché non mette al mondo figli maschi

NEW DELHI, 30 AGO – Una donna indiana di 28 anni e’ morta dopo essere stata costretta ad ingerire un potente veleno dal marito e dai parenti di questo, con l’accusa di “non essere capace di mettere al mondo un figlio maschio”.

La vicenda ha avuto per scenario il villaggio di Siya, nello stato di Madhya Pradesh (India centrale), dove la donna di nome Sadhna viveva con il marito, sposato 12 anni fa, e due figlie. (ANSA).



        

Tieniti aggiornato. Leggi imolaoggi.itImolaOggi su Facebook

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *