India – Kashmir, gruppo islamico a turiste: evitare mini-gonne, rischio reazioni di rabbia

Jamaat-e-Islami, un gruppo islamico del Kashmir indiano, ha invitato le turiste a non indossare le mini-gonne o altri abiti succinti, perchè contrari alla cultura della regione a maggioranza musulmana, dove i visitatori stanno tornando numerosi dopo anni di violenze.

“Alcune turiste, la maggior parte straniere, indossano gonne molto corte e abiti scioccanti, contrari alla filosofia e alla cultura locali e inaccettabili per la società civile”, ha spiegato il portavoce del gruppo, Zahid Ali. “I visitatori devono rispettare i sentimenti dei residenti“, ha aggiunto il portavoce, sottolineando che per “meri benefici economici, una nazione non può compromettere la sua moralità e i suoi costumi e mettere in pericolo le generazioni future”.

Il gruppo islamico, che da poco si è staccato dalla principale formazione separatista del Kashmir, ha chiesto aiuto all’ente turismo dello Stato dello Jammu e Kashmir, affermando che le turiste vanno informate per evitare “reazioni di rabbia“: “Chiediamo alle autorità di non incoraggiare le aggressioni culturali verso i musulmani del Kashmir e di rimanere vigili nei confronti di chi promuove la volgarità o altre attività immorali”, ha concluso Ali.

Le donne kashmire, che raramente indossano il velo integrale, in passato sono state vittime dei barbari attacchi con l’acido, affinchè rispettassero le regole di abbigliamento islamico.

Intanto, in piena stagione turistica, le autorità locali non hanno replicato all’appello del gruppo Jamaat-e-Islami: “E’ un argomento molto sensibile e non sono nella posizione di fare commenti”, ha tagliato corto il dirttore del dipartimento del turismo, Talat pervaiz.

http://www.imolaoggi.it/?p=21001



        

Tieniti aggiornato. Leggi imolaoggi.itImolaOggi su Facebook

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *