Kenya: integralisti contro cristiani e islam moderato

Ancora una volta, i cristiani sono presi di mira in Kenya, ad appena un mese dall’ultimo attentato contro una chiesa cristiana. Ieri, una persona è morta e 14 sono rimaste ferite nell’attacco contro una chiesa a Garissa, città della provincia orientale del Paese, a circa 140 chilometri dalla Somalia. Secondo gli inquirenti, dietro l’attacco vi sarebbero le milizie somale Shabaab. Debora Donnini ha intervistato Enrico Casale, esperto di Africa di “Popoli”, la rivista internazionale dei Gesuiti:

R. – E’ un attentato che colpisce nuovamente una chiesa cattolica, anche se è una chiesa che si trova all’interno di un campo della polizia amministrativa kenyana. E’ un doppio segno: un segno dato sia allo Stato kenyano sia alla popolazione cristiana del Kenya. I responsabili potrebbero essere o direttamente i somali legati alle milizie Shebaab, oppure gruppi musulmani locali, comunque collegati ai musulmani Shebaab, che vogliono dare un segno forte al Kenya, che in questi ultimi mesi sta combattendo da una parte contro gli Shebaab in Somalia e, dall’altra, contro i cristiani, che sono i loro nemici principali.

D. – Perché c’è questa violenza anticristiana?

R. – Le milizie Shebaab sono integraliste, professano un islam fondamentalista, che vede nel cristiano un nemico: ma non solo nel cristiano, anche nel musulmano non integralista. Gli Shebaab somali, infatti, hanno distrutto le tombe di grandi personalità religiose somale, che erano venerate dai musulmani della Somalia. E’ quindi un islam intollerante, che cerca di imporre una visione della fede che non guarda a nessun tipo di dialogo, ma all’affermazione completa, anche sul filo delle baionette, quindi sulla violenza jihadista.

D. – Questa serie di attentati sta provocando paura nei cristiani?

R. – Certamente sì, soprattutto nelle zone più a ridosso della Somalia – quelle zone in cui si trova Garissa – ma anche nelle grandi città. Penso a Nairobi, ma anche a Mombasa. Teniamo presente che a luglio, a ottobre e a settembre sono state colpite alcune chiese, anche nelle due principali città kenyane. E’ chiaro, quindi, che questo crei molta apprensione e soprattutto una grande diffidenza nei confronti della popolazione somala, che è una minoranza molto forte in Kenya.

D. – La violenza degli Shebaab ha a che fare anche con l’intervento del Kenya in Somalia?

R. – Sicuramente sì. Se si accerta che questi attentati sono stati organizzati dagli Shebaab, allora il loro obiettivo è quello di portare insicurezza, instabilità in Kenya, per punirlo dell’intervento militare che dall’ottobre del 2001 sta portando avanti in Somalia. Ricordiamo che sono state le truppe kenyane a liberare la città di Chisimaio, qualche settimana fa, proprio dalla presenza degli Shebaab, scacciandoli da una delle città più importanti, dal punto di vista politico ed economico, della stessa Somalia.

http://it.radiovaticana.va/news/2012/11/05/kenya,_attacco_a_una_chiesa._casale:_integralisti_contro_cristiani_e_i/it1-635910



        

Tieniti aggiornato. Leggi imolaoggi.itImolaOggi su Facebook

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *