Padova, tensione in moschea: musulmani contro l’imam

L’imam Ahmed Talibi: “Si parla solo se autorizzati”. Ma molto fedeli non ci stanno e contestano la guida. Venerdì scorso è intervenuta la polizi.

PADOVA.  Ancora tensione nella moschea di via Anelli. Venerdì scorso poco prima delle 23 sono dovute intervenire due pattuglie della squadra volante della questura per calmare gli animi. Tutto a causa delle intemperanze di uno dei fedeli, che ha dimostrato una certa insofferenza di fronte alle nuove regole introdotte dall’imam Ahmed Talibi.

«C’è qualche persona che vuole parlare sempre senza avere il permesso», spiega l’imam, «io da qualche settimana ho introdotto una nuova regola: chi vuole dire qualcosa, deve prima chiedere l’autorizzazione a me. Sono io che decido se si può parlare o no. Io sono il responsabile dell’associazione Rahma quindi limitare la confusione è un mio compito».

L’altra sera un marocchino di 50 anni voleva fare un intervento rivolto alla comunità ma è stato fermato. Di fronte alle sue rimostranze Ahmed Talibi ha telefonato alla centrale operativa della polizia chiedendo l’intervento delle pattuglie. «Se io entro in casa di altri devo sottostare alle regole», evidenzia ancora Talibi, «questa persona ha già parlato troppe volte senza permesso: era giunto il momento di fermarlo. Lo devo fare per tutelare anche tutti gli altri fedeli».

Quando sono arrivate le pattuglie della polizia l’uomo ha dovuto esibire i documenti e subito dopo se n’è andato sbattendo la porta. Nell’occasione gli agenti hanno controllato anche tutti gli altri presenti, annotando nomi e cognomi.

Da settimane è in corso una scissione molto forte all’interno dell’associazione islamica: un gruppo di giovani contesta la presidenza di Ahmed Talibi, in particolare per quanto riguarda la gestione economica e l’acquisto della nuova moschea di via dell’Ippodromo (ancora inutilizzabile perché deve essere ristrutturata). L’associazione Rahma è stata fondata diversi anni fa da Talibi, ma da allora non sono mai stati celebrati congressi per l’elezione dei dirigenti.

http://mattinopadova.gelocal.it/cronaca/2012/05/01/news/in-moschea-si-parla-solo-se-autorizzati-1.4447905



Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>