Pakistan: manifestazione per i diritti delle donne

Domenica 19 febbraio circa 100.000 donne si sono riunite a Karachi per una manifestazione a favore dei diritti e della parità di genere.

Chiamato ‘Empowered women, strong Pakistan’ (Potere alla donne, Pakistan più forte) e dichiarato il raduno politico femminile “più grande del mondo”, l’evento è stato organizzato dal partito Muttahida Qaumi Movement (MQM).

Le donne portavano cartelli con scritto: “Diciamo no alla violenza domestica” e “Condanniamo la violenza domestica”. Sventolavano anche bandiere del partito nonchè il poster del suo fondatore e leader, Altaf Hussain, il quale da Londra parlando del raduno ha dichiarato:

In molte parti del mondo, le donne sono considerate alla pari da tutti i punti di vista. Purtroppo in Pakistan continuano a essere trattate come cittadini di seconda o terza classe. Crimini come l’omicidio d’onore e il Vani (matrimoni precoci) sono sempre più diffusi, sotto il velo della tradizione”. Hussain ha aggiunto anche che i partiti politici e religiosi dovrebbero appoggiare l’emancipazione delle donne perchè ciò significherebbe un Pakistan migliore.

L’evento ha attirato l’attenzione della stampa locale e internazionale, sia per l’enorme numero di partecipanti, sia per l’importanza giocata da un evento del genere in un paese come il Pakistan. La BBC l’ha definito “il più grande raduno di donne mai organizzato al mondo”. Il quotidiano nazional Dwan scrive: “Alcuni grandi eventi politici sono stati organizzati di recente nel Bagh-i-Quaid a Karachi, Il raduno organizzato dal partito MQM è in particolare degno di nota per il fatto che le decine di migliaia di persone presenti erano praticamente solo donne”.

Anche Tribune Express lo ha definito come “il più grande raduno al mondo di donne”, sottolineando: “In un Paese dove le donne continuano ad essere emarginate politicamente, il Movimento Muttahida Qaumi ha fatto un grosso passo avanti organizzando una manifestazione pubblica interamente femminile. La marea di donne che sventolano la tradizionale bandiera rosso, verde e bianco sembrava in effetti più grande della folla che si è riunita a Bagh-e-Jinnah per ascoltare Imran Khan, leader del partito Pakistan Thereek-e-Insaaf”. […]

Leggi il seguto su

http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplRubriche/vociglobali/grubrica.asp?ID_blog=286&ID_articolo=508&ID_sezione=654



        

Tieniti aggiornato. Leggi imolaoggi.itImolaOggi su Facebook

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *