Russia: no propaganda gay fra i monorenni

La Chiesa ortodossa russa ha chiesto che sia estesa a tutto il Paese la legge che proibisce la propaganda omosessuale fra i minori, e che è stata approvata nella seconda città del Paese, San Pietroburgo. “La cocciutaggine delle minoranze sessuali e i loro piani per manifestarsi di nuovo di fronte a centri infantili dimostrano quanto sia stata opportuna l’approvazione della legge regionale” ha affermato Dimitri Pershin, capo del Comitato per la gioventù della Chiesa ortodossa russa.

Pershin, che è anche membro della Commissione parlamentare per la famiglia e i temi dell’infanzia ha assicurato che senza ritardi, si deve concedere alla legge uno status federale, il che è compito dei deputatidella Duma, la “camera bassa” del Parlamento. Il rappresentante della Chiesa russa è stato uno degli esperti che ha partecipato alla redazione della legge che fu promulgata la settimana scorsa dal governatore della regione di San Pietroburgo.

In questo modo nella regione è rimasto vietato propagandare informazioni sulla omosessualità, la bisessualità, il lesbismo, la transessualità e anche la pederastia. La legge punisce con multe amministrative da 130 a 13.000 euro i violatori, a seconda che si tratti di persone fisiche o giuridiche. Le organizzazioni omosessuali hanno criticato la legge, dicendo che servirà di pretesto per impedire le marce dell’orgoglio gay.

http://www.lastampa.it/_web/CMSTP/tmplrubriche/giornalisti/grubrica.asp?ID_blog=196&ID_articolo=1574&ID_sezione=396



        

Tieniti aggiornato. Leggi imolaoggi.itImolaOggi su Facebook

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *