Sbai: Non lasciamo soli i moderati che protestano in Piazza Tahrir

28 nov – “Un solo appello oggi possiamo fare all’Europa: non lasciamo soli i moderati che protestano in Piazza Tahrir. Se li abbandoniamo ancora una volta nelle mani dell’estremismo organizzato, che li raderà al suolo, davvero avremo perso l’ennesima, e forse ultima occasione per allontanare il pericolo mortale della tirannia oscurantista sul mondo arabo“.

Così si è espressa Souad Sbai, commentando gli scontri a Piazza Tahrir, al Cairo, in cui hanno già perso la vita tre manifestanti “che protestano contro lo strapotere dei Fratelli Musulmani. Se c’è una cosa che l’attuale classe dirigente egiziana ha mutuato alla perfezione dal precedente regime è la repressione. Piazza Tahrir, che entra nel decimo giorno di protesta, oggi vede davvero la rivoluzione moderata, liberale e moderna che però viene repressa nel sangue, quando i Fratelli Musulmani tentano di scardinare lo Stato e arrogarsi il potere assoluto.

Non possiamo non vedere quanto accade in Egitto e quanto pericolo ci sia in quei provvedimenti, non solo per il Cairo ma per tutto il mondo arabo. Faccio appello al ministro Terzi affinché solleciti la Comunità Internazionale ad ascoltare i moderati, massacrati in piazza perché contro ogni estremismo e talebanismo. Chi ha guardato passivamente all’ascesa della Fratellanza deve prendersi la responsabilità di rimediare al danno, sostenendo le voci della vera Piazza Tahrir, libera e moderata, prima che vengano ancora una volta soffocate dai Fratelli Musulmani”.  www.pdl.it



        

Tieniti aggiornato. Leggi imolaoggi.itImolaOggi su Facebook

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *