Studentesse saudite sfidano il divieto e giocano a basket

Una scuola femminile in Arabia Saudita ha sfidato il precetto islamico che vieta alle donne di fare sport e ha allestito un campo da basket con due canestri per lasciare giocare liberamente le ragazze durante la ricreazione, come riferisce il quotidiano al-Watan.

Nel regno wahabita alle donne è vietato fare sport, guidare un’automobile, lavorare, aprire un conto in banca o sottoporsi ad interventi chirurgici senza il consenso di un parente maschio.

Il re Abdullah tuttavia è favorevole a dare maggiori opportunità per le donne nell’istruzione e nel lavoro e l’anno scorso ha assicurato che potranno votare e candidarsi alle elezioni comunali.

L’istituto in questione, situato nella provincia orientale dell’Arabia Saudita, è la prima scuola femminile statale che apertamente incoraggia lo sport. Le scuole private invece offrono già questa opportunità alle ragazze. Negli ultimi mesi l’Arabia Saudita è stata criticata per non avere mai presentato un’atleta donna alle Olimpiadi. L’organizzazione internazionale Human Rights Watch ha chiesto che si inizi proprio con i Giochi di Londra 2012.

Mentre si discute a livello internazionale sui diritti delle donne, i media locali riferiscono che il vice ministro dell’Istruzione che si occupa di educazione femminile (ed è anche la prima donna ministro del regno) si sta battendo per la creazione di “un vero e proprio programma globale di educazione fisica” per entrambi i sessi.

http://www.ticinonews.ch/articolo.aspx?id=260639&rubrica=15



        

Tieniti aggiornato. Leggi imolaoggi.itImolaOggi su Facebook

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *