Egitto: musulmani seminano terrore in una scuola cristiana

Due religiose nell’ alto-Egitto hanno vissuto “una paura inimmaginabile„ la settimana scorsa ed una di esse è stata ricoverata dopo che 1.500 abitanti musulmani, con spade e coltelli in mano, le hanno rinchiusi in una residenza ed hanno minacciato di bruciarle vive. Il giorno dopo, gli aggressori hanno terrorizzato gli alunni di una scuola, la cui frequenza é diminuita di un terzo.

Il 4 marzo, una folla di musulmani ha accusato le religiose di costruire una chiesa sulla città universitaria. Hanno circondato la residenza di una scuola pubblica gestita dal privato mostrando slogan islamici, nel villaggio d’ Abu Al-Reesh nella provincia di Assuan. Due religiose che insegnano benevolmente nelle scuole di lingua Notre Dame hanno passato circa otto ore rinchiuse nella residenza della città universitaria.

Un gruppo di uomini armati di spade e coltelli ha fermato un dipendente, accusandolo “di costruire una chiesa„, di “invadere i luoghi„. I musulmani hanno tentato di aprirsi un varco nell’edificio mentre le religiose continuavano a chiamare aiuto. La folla ha saccheggiato l’intero edificio ed ha rubato le telecamere di sicurezza, le attrezzature elettriche, un’antenna parabolica sul tetto della residenza, ed altri beni.

Negli altoparlanti dei minareti di tre moschee circostanti, la gente invitava i musulmani di Abu Al-Reesh a circondare la residenza scolastica. “Venite qui, i cristiani costruiscono una chiesa ed un monastero. I cristiani hanno preso le nostre terre ancestrali e costruiscono una chiesa, hanno urlato gli altoparlanti„, ha dichiarato Melad Kamel Garas, proprietario della scuola.

Alcuni dipendenti della scuola hanno tentato di fare uscire le religiose dall’edificio, ma i musulmani li hanno cacciati. “Quando abbiamo tentato di farle uscire, hanno rifiutato, volevano bruciarle vive nella residenza„, ha dichiarato Garas.

Finalmente, dopo avere parlato con dei musulmani moderati, i dipendenti della scuola sono stati in grado di fare uscire le religiose con l’aiuto di un contingente di poliziotti. Mentre venivano evacuate, degli uomini urlavano che erano dei “maiali„ e “infedeli„ che volevano “costruire una chiesa„, afferma Garas.

Anche il giorno dopo, la folla ha condotto attacchi intermittenti contro la scuola. “Hanno fatto molto paura ai bambini„, riporta Melad. “I bambini sono stati terrorizzati„.
Dopo lo sgombro delle religiose, la folla hanno impedito ad ogni persona di entrare, anche dopo che la polizia ha ispezionato l’interno dell’edificio ed ha confermato che non conteneva alcun luogo di culto. I musulmani hanno finito per lasciare la città universitaria e la polizia ha messo una guardia all’esterno dell’edificio.

Tuttavia, gli islamisti hanno arruolato un gruppo di bambini per sorvegliare la residenza per segnalare loro se qualcuno ci penetrasse, riporta Melad.
Si tenta attualmente di forzare le autorità scolastiche a partecipare “ad una riunione di riconciliazione„, cosa che in Egitto significa generalmente che i cristiani dovranno fare concessioni senza contropartita. (…)

http://www.eurasiareview.com/16032012-egypt-nuns-traumatized-after-school-attack/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *