Gran Bretagna: La più giovane vittima di matrimonio forzato ha 5 anni

Una bambina di cinque anni è la più giovane vittima conosciuta dei matrimoni forzati nel Regno Unito. È una dei 400 bambini che hanno beneficiato quest’anno dell’aiuto di un’unità creata dal governo per lottare contro i matrimoni forzati.

Queste cifre sono state rese pubbliche nel quadro di una consultazione governativa in attesa di convertire in azione penale il fenomeno del matrimonio forzato in Inghilterra.

Amy Cumming, co-responsable dell’unità dei matrimoni forzati, dice che il 29% dei casi implicava dei minori l’anno scorso.
“La più giovane fra esse ha in realtà soltanto cinque anni, ma i bambini implicati in questa pratica sono più generalmente in età scolastica„, dice. Per proteggere il bambino, le autorità non hanno chiesto di rivelare i dettagli della sua storia né quando “il matrimonio„ ha avuto luogo.

Ma il caso non è sorprendente per l’organizzazione iraniana e kurda dei diritti delle donne (IKWRO), che tratta più di 100 casi di matrimoni forzati all’anno. “Abbiamo avuto clienti che erano all’inizio dei loro anni di adolescenza, 11 anni, 12 anni, il più giovane caso che abbiamo avuto era di nove anni„, dichiara una rappresentante del IKWRO, Fionnuala Murphy.

Ora che la consultazione sul matrimonio forzato ha preso fine, IKWRO spera che questi matrimoni diventeranno un reato nel Regno-Unito. “La nostra organizzazione è per la criminalizzazione perché crediamo che ciò permetta alle vittime di sapere che è un crimine, di far fronte ai loro genitori per difendere i loro diritti, di chiedere aiuto, e di dirsi `quello che mi succede, è male. ‘“
Abusi sessuali
L’autore Sameem Ali conosce troppo bene il traumatismo di essere sposa-bambina – aveva soltanto 13 anni quando è stata portata in Pakistan da sua madre, un giorno festivo. Adolescente, era molto entusiasta di questo viaggio, ma quando é arivata al villaggio della famiglia, ha scoperto che sarebbe stata sposata ad un uomo due volte la sua età, che non aveva mai incontrato.
“Tutta la famiglia ha fatto appello ad uno imam e l’hanno forzata a sposarlo. Non capivo realmente ciò che avveniva all’epoca. “Ero soltanto una bambina. Non avevo i mezzi per dire no. Non c’era nessun sostegno.„

Otto mesi più tardi è ritornata nel Regno Unito, dopo avere subito gli abusi sessuali violenti del suo marito.
“Mi hanno riportata in questo paese quando avevo 14 anni e incinta,„ dice.
Ha finalmente potuto fuggire a questa relazione ed è ora sposata con due figli ed aiuta altri giovani a rischio. Tuttavia, Sameem si preoccupa che il fatto di convertire in azione penale il matrimonio forzato, dissuada le vittime di parlare.
“Penso che sarà pregiudizievole alla vittima. Le vittime cessano di manifestarsi, perché nessuno vuole denunciare i propri genitori„, ha spiegato.

Per gli addetti della dissimulazione della religione di pace che proveranno a far credere che questo fenomeno non abbia nulla a che vedere con “il vero„ islam, ecco il parere del dottore Abd Al-Hamid Al- ‘Ubeidi, esperto di legge islamica (charia) del suo stato, che ci spiega che le bambine dovrebbero potere essere sposate fin dalla più giovane età secondo la legge islamica.

 

http://scettico72.blogspot.it/2012/03/gran-bretagna-la-piu-giovane-vittima-di.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *